top of page

Inchiesta “macchina del fango”: Intollerabile il mutismo del Presidente della Provincia di Potenza

Le notizie riportate dalla stampa sulla “macchina del fango”, avviata a Ruoti per screditare la sindaca Anna Maria Scalise ed altri amministratori locali, chiariscono ogni giorno che passa uno scenario triste e preoccupante anche per il ruolo di certi operatori dell’informazione e la considerazione che alcune persone coinvolte nell’inchiesta della Procura di Potenza avevano dei media locali. Apprendere che chi aveva avviato la “macchina del fango” non gradiva alcuni giornalisti e si avvaleva di altri – da quanto emerge dall’inchiesta, addirittura remunerati – lascia quasi senza parole.

Non si può tacere, però. Le parole devono essere usate per avere un moto di coscienza, per riflettere sullo stato in cui versa l’informazione locale, andando anche oltre, come ho avuto modo di dire pochi giorni fa, le fondamentali norme dei Codici deontologici e dei Regolamenti.

Apprendere che un giornalista, uno dei più brillanti cronisti di giudiziaria, Leo Amato, fosse nel mirino dell’artefice della “macchina del fango”, perché ha continuato a mantenere la schiena dritta continuando a fare il proprio lavoro senza condizionamenti, è una cosa molto grave. Apprendere che il responsabile della comunicazione della Provincia di Potenza (il più importante ente locale, dopo la Regione) fosse all’interno del sistema che lanciava fango verso le vittime del sistema architettato da soggetti intenti a distruggere la reputazione delle persone è una cosa inaudita. Si pone, dunque, con urgenza il tema di chi occupa certe postazioni, che deve agire con capacità, onorabilità e decoro. Niente di tutto questo se leggiamo i resoconti giornalistici riguardanti alcuni operatori impegnati nel complesso e delicato mondo dell’informazione.


In questo contesto il silenzio del Presidente della Provincia di Potenza continua ad essere intollerabile e denota infingardaggine. Cosa sta facendo per garantire nell’ente che guida una figura addetta all’Ufficio stampa e alla comunicazione? Quali provvedimenti ha preso nei confronti del responsabile della comunicazione, intento ad occuparsi di altro, comprese pubbliche relazioni non richieste? Il presidente della Provincia si è rinchiuso nel mutismo. La “Provincia dei cento Comuni” ha bisogno in ogni momento di un responsabile dell’Ufficio stampa. Non solo in occasione di banchetti e tagli di nastri.


Gianni Leggieri

Consigliere regionale del MoVimento Cinque Stelle Basilicata


40 visualizzazioni0 commenti

コメント


bottom of page