top of page

Calenda e il disprezzo per il Sud

In un momento di autoesaltazione, al termine dell'assemblea nazionale del suo micro-partito, Carlo Calenda si è lasciato andare a dichiarazioni tanto insulse quanto incoerenti.

Scimmiottando i grandi leader, con tono solenne, ha detto: "Al Sud votano degli incapaci e la Calabria andrebbe commissariata. Eleggete politici decenti! ".

Nel ragionamento del reuccio di Azione, quindi, elettrici ed elettori che votano a Sud "de Roma" sono una massa di incapaci ed irresponsabili.

Il nuovo statista che si affaccia sulla scena politica nazionale, che dispensa patenti di capacità o inettitudine politica, che fa il prezioso pontificando sui contenuti delle alleanze politiche, farebbe bene a guardare chi ha imbarcato nel suo micro-partito a Sud e pure in Basilicata. Ne troviamo di tutti i tipi: dalle cariatidi della politica, a chi in decenni di amministrazione ha lasciato macerie, povertà, astio sociale, e ha avuto pure la faccia tosta di presentare il conto per farsi rimborsare gli scontrini dopo gite e crapule in allegra compagnia.

Uno scivolone quello del reuccio Calenda che gli è valso comunque i sospirati quindici minuti di notorietà.


Gianni Leggieri

Consigliere regionale del MoVimento Cinque Stelle


51 visualizzazioni0 commenti

Комментарии


bottom of page